mercoledì 29 agosto 2012

"L'impronta organica di una architettura consiste proprio in questo: non nel posare ma crescere dal suolo, nel suo appartenere, nel suo identificarsi, esaltandola, con la situazione topografica". (Bruno Zevi)

Frank Lloyd Wright, Pauson House (1939)